Api, così amate (e sconosciute), indispensabili per la biodiversità- Corriere.it

Spread the love


La cultura naturalistica in Italia pressoch assente. Difficile trovare una persona che sappia come si riproducano i rospi o qual la differenza tra una specie vivipara o ovovivipara. Tuttavia in questi anni ho notato che, appena si citano le api, subito lo sguardo dell’interlocutore brilla di un nuovo interesse. Sappiamo ormai che sono molto importanti per l’equilibrio della natura ma le nozioni sulla loro vita restano in genere piuttosto nebulose. Del resto i naturalisti stessi hanno impiegato molti secoli per capire — e accettare — che un alveare sia governato da una regina e non da un re e che, in questo mondo di ossessiva perfezione, sia mantenuto da una casta di operose femmine.

Le domande sono sempre tante e a ogni risposta di solito si aggiunge un’altra domanda ancora pi meravigliata. Possibile che esseri cos piccoli abbiano raggiunto un grado di complessit cos alto e che su di loro si continuino a scoprire sempre nuove cose? Il primo passo da fare sarebbe quello di imparare a distinguere un’ape da una vespa, cosa per molti piuttosto difficile. Tutto ci che giallo e nero, nella nostra mente, risulta pericoloso e dunque temo che molte api, complice questa confusione classificatoria, facciano una brutta fine. Ci sono molte cose importanti da fare per aiutare le api a sopravvivere e una parte di queste sono in mano alla politica agraria. Vietare alcuni veleni fondamentale, cos come sarebbe fondamentale evitare le coltivazioni intensive. Ma anche ogni singolo cittadino — io ho trovato delle api anche nel cuore pulsante di Milano — pu fare qualcosa per loro. Mettere delle piante mellifere sul balcone, ad esempio, e offrire dei luoghi in cui abbeverarsi. Le api hanno un estremo bisogno di acqua. Per aiutarle, bisogna mettere un sottovaso, magari con una spugna impregnata di acqua, in modo che possano atterrare, bere, e ripartire senza rischio di affogare.



Approfittando di questa giornata, per vorrei ricordare che, oltre all’ape che ci dona il miele, esistono molti altri tipi di api altrettanto importanti ai fini dell’impollinazione. I bombi, le xylocope — quelle sorti di giganti color nero violetto dal volo pesante — le megachile, che tagliano con precisione di sartoria le foglie delle nostre rose e altre ancora. In Italia sono presenti mille specie di api e sono per lo pi, a differenza delle mellifere, solitarie. Queste api, invisibili alla maggior parte delle persone, sono in realt fondamentali per l’equilibrio della biodiversit. Ognuna di loro, infatti, ha una ligula — l’organo aspirante con cui raccolgono il nettare — di lunghezza diversa e dunque adatta a impollinare diversi tipi di corolle. Le api mellifere sono della api generaliste, bottinano pressoch ovunque, mentre le altre specie sono oligolettiche, si nutrono della piante dello stesso genere, o addirittura monolettiche, cio capaci di bottinare un solo tipo di fiore come, ad esempio, l’ape dell’edera. Se qualcuno volesse approfondire questo mondo pressoch ignoto consiglio la lettura di Le altre api di Elisa Monterastrelli, edizioni Montaonda. E comunque possiamo dirlo? Viva la nuova sensibilit verso le nostre amiche e lunga vita a tutte le api del mondo.

21 maggio 2021 (modifica il 21 maggio 2021 | 21:40)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

window.addEventListener(‘cpAccepted’, function () {
if (typeof cmp != “undefined” && cmp.getUserConsentStatusForCustomVendor(“facebook”) == true) {

!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n;
n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window,
document,’script’,’//connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);

fbq(‘init’, ‘1553525618238394’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
}
}, true);



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *