Arriva la foto che tutti volevano vedere di Eriksen

Spread the love


”Sto bene, considerate le circostanze. Devo ancora sottoporrmi a degli esami in ospedale, ma mi sento ok. Adesso voglio sostenere i ragazzi della Danimarca nelle prossime partite. Giocate per tutti i danesi”. Sono le prime parole di Christian Eriksen dopo il malore, accusato durante Danimarca-Finlandia, che ha tenuto in ansia tutto il mondo del calcio.

Per fortuna il peggio sembra essere ormai passato per Christian Eriksen. A ormai tre giorni dal problema al cuore che ha rischiato di costargli la vita, il centrocampista dell’Inter si è mostrato sorridente dal letto di ospedale del Rigshospitalet di Copenhagen, dove è ricoverato e ha voluto lasciare un messaggio tramite i canali social della federcalcio del suo paese. Il pollice alto, un sorriso stanco ma sincero. “Ciao a tutti. Vi ringrazio per il vostro dolce e incredibile sostegno e per i messaggio da tutto il mondo. Ha significato molto per me e per la mia famiglia. Sto bene, considerate le circostanze. Devo ancora sottoporrmi a degli esami in ospedale, ma mi sento ok. Adesso voglio sostenere i ragazzi della Danimarca nelle prossime partite. Giocate per tutti i danesi. Saluti. Christian”, le sue parole.

Le condizioni di Eriksen

Un po’ di sollievo dopo la grande paura, gli è arrivato forte fino al Rigshospitalet l’affetto di tutto il mondo del calcio. Non l’hanno mai lasciato un attimo la moglie Sabrina, i genitori e la sorella Louise. Ha ricevuto la visita del medico della nazionale danese, Martin Boesen, l’uomo del primo intervento dopo l’arresto cardiaco oltre agli amici e compagni di squadra Simon Kjaer e Kasper Schmeichel. Anche l’Inter sta pensando di raggiungere la Danimarca: lo staff medico nerazzurro, che al momento resta giustamente in seconda linea per non intralciare il lavoro della nazionale danese, sembra orientato a raggiungere Copenaghen, anche per mostrare la propria vicinanza al calciatore. Una decisione sarà presa nelle prossime ore, ma è chiaro che l’Inter vuole prima attendere che Chris venga dimesso.

Intanto ieri è stata un’altra giornata di esami approfonditi, la seconda consecutiva, che riguardano il cuore del centrocampista. Non dovrebbe in ogni caso mancare molto al momento delle dimissioni: entro domani il danese potrebbe infatti lasciare l’ospedale. Ma non è detto che una diagnosi approfondita possa arrivare a breve: potrebbero volerci giorni ed esami ripetuti a distanza di più tempo, per andare fino in fondo e valutare cosa c’è dietro l’aritmia cardiaca che ha causato il malore di sabato scorso. E soprattutto per capire se e quando Eriksen potrà tornare in campo. Per queste valutazioni ci sarà tutto il tempo. Adesso tutto il popolo danese si è stretto intorno al suo beniamino e alla squadra, che scenderà in campo giovedì 17 giugno contro il Belgio, nella seconda partita del girone.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *