Champions: Tuchel, lo “scienziato” del Chelsea che può oscurare Guardiola

Spread the love


Quando arrivò al Psg in pochi gli davano credito. Sui giornali veniva esonerato un giorno sì e l’altro pure. Ma con le proprie convinzioni è andato in finale di Champions con due squadre diverse. Non per caso…

Con quel nome un po’ così, che ai diversamente giovani ricorda un ballo sexy di Raffaella Carrà negli anni 70. Con l’espressione e la gestualità un po’ sgraziate, lontane dall’aura mistica di Guardiola, dall’eleganza di Allegri, dall’impertinenza giovanile di Nagelsmann, dalla figaggine di Klopp.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *