Delitto Ilenia Fabbri, Claudio Nanni rinuncia al patrimonio: è erede diretto

Spread the love


Ilenia Fabbri news: il marito Claudio Nanni, in carcere con l’accusa di avere commissionato l’omicidio, rinuncia all’eredità della moglie. Il 53enne è accusato di essere il mandante del delitto, avvenuto il 6 febbraio scorso nell’appartamento di Faenza (Ravenna) in cui la ex moglie viveva insieme alla loro figlia Arianna.

Ilenia Fabbri: il marito ha diritto alla sua eredità ma rinuncia

All’epoca del delitto la coppia non era ancora divorziata. Come da normativa successoria, quindi, a Nanni spetterebbe una parte di eredità a seguito della morte della (ex) moglie. Lui però sarebbe intenzionato a rinunciare.

Proprio i motivi economici, secondo l’accusa, sarebbero alla base del movente del delitto. Il 53enne aveva un rapporto molto conflittuale con Ilenia, la quale avanzava da lui un’ingente somma di denaro. I due ex coniugi avevano una causa legale in corso, e i continui dissapori accompagnati da minacce da parte di Nanni, che da tempo non abitava più con lei, erano all’ordine del giorno.

L’uomo quindi avrebbe assoldato il killer suo amico, Pierluigi Barbieri, per farla fuori. Nanni tuttavia sostiene di non avergli mai chiesto di uccidere Ilenia ma solo di ‘spaventarla’ ed indurla così a rinunciare a pretendere da lui l’enorme somma di denaro oggetto dei loro dissapori.

Leggi anche —> Ilenia Fabbri, il killer reo confesso fa nuove agghiaccianti rivelazioni: «Omicidio già tentato altre due volte»

ILENIA FABBRI MARITO MANDANTE DELITTO RINUNCIA EREDITA

Mandante e sicario: i due indagati si rimpallano la responsabilità del delitto

A detta dell’esecutore materiale del delitto, Nanni aveva già cercato, prima di quel 6 febbraio 2021, di ordine un piano omicidiario per far fuori la moglie. Tentativi poi sfumati per imprevisti sopraggiunti all’ultimo momento. Ed anche la mattina in cui il killer si intrufolò in casa della vittima, qualcosa andò storto. Entrato furtivamente all’alba nell’abitazione con la copia delle chiavi che Nanni gli aveva procurato, Barbieri ignorava il fatto che vi fosse un’ospite di Arianna che dormiva in casa.

Ha ucciso comunque Ilenia, che tentò strenuamente di salvarsi, nonostante la testimone lì presente. Gli erano stati promessi da Nanni 20mila euro e un’auto, essendo lui un concessionario. L’ordine era di ucciderla senza se e senza ma. Picchiata, accoltellata, sgozzata. Ilenia è stata uccisa senza pietà perché così gli aveva chiesto il mandante nonché suo amico. Versione che Nanni respinge con forza, com’è noto. E la cui attendibilità è oggetto di indagini da parte della magistratura inquirente.

ILENIA FABBRI MARITO MANDANTE DELITTO RINUNCIA EREDITA

La rinuncia di Pietro Nanni è solo una strategia difensiva?

L’avvocato di Nanni, Francesco Furnari, ha assicurato che quella del suo assistito non è una strategia difensiva. Vero è che la rinuncia all’eredità eviterebbe al presunto mandante del delitto di affrontare una causa civile per indegnità. E l’eredità di Ilena andrebbe quindi integralmente alla figlia Arianna. “Non si tratta di una strategia processuale – ribadisce l’avvocato Furnari – bensì di una espressa volontà di Nanni a favore della figlia”.

Nanni è attualmente detenuto in attesa di giudizio con la terribile accusa di avere commissionato l’efferato omicidio della moglie. Sarebbe lui l’erede diretto del patrimonio di Ilenia. Tra i beni che gli spetterebbero anche la casa di via Corbara 4 a Faenza, nonché scena del crimine. Come riferisce Quarto Grado al riguardo, “Per agevolare la decisione, che di norma prevede un lasso di tempo di 10 anni per accettare o rifiutare il lascito, Claudio riceverà presto la visita di un notaio in carcere in vista dell’udienza davanti al giudice per le successioni del Tribunale di Ravenna prevista il 28 giugno”. La decisione di Nanni sarebbe mirata esclusivamente ad assicurare stabilità alla figlia Arianna, per garantirle un futuro più solido in attesa che abbia inizio l’iter processuale per l’omicidio della sua mamma. Potrebbe interessarti anche —> Ilenia Fabbri, la figlia insultata sul web perché difende il padre: Arianna sporge querela



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *