ecco perché ha scelto proprio questo nome

Spread the love


Emma Stone è diventata mamma lo scorso 13 marzo. L’attrice trentaduenne ha dato alla luce una bambina. È la prima figlia nata dal matrimonio con il comico, scrittore e regista Dave McCary. La coppia ha preferito vivere questo momento importante nella massima riservatezza e dunque solo con le persone più care. A rivelare la nascita del bebè, di cui inizialmente non si sapeva neanche il sesso, è stato il tabloid TMZ. La stessa fonte oggi fa sapere il nome scelto da Emma Stone e Dave McCary per la piccola.

Il nome scelto da Emma Stone e Dave McCary

Emma Stone, star di La La Land e protagonista del film Crudelia, diretto da Craig Gillespie ha assaporato la gioia della maternità. Ma qual è il nome prescelto per la primogenita dell’attrice e di Dave McCary? Lo ha svelato TMZ, che ha avuto modo di visionare il certificato di nascita della bambina. Il nome della piccola, che ha poco più di due mesi, è Louise Jean McCary. La scelta non è stata affatto casuale o scaturita da una semplice questione di gusto. Esiste un profondo legame affettivo con questo nome.

Perché la bambina si chiama Louise Jean

Emma Stone e Dave McCary
in foto: Emma Stone e Dave McCary

Il tabloid TMZ è riuscito ad apprendere perché Emma Stone ha deciso di chiamare sua figlia Louise Jean. A quanto pare, ci sarebbe un legame affettivo molto forte con questo nome. Per capire come mai la scelta è ricaduta su Louise Jean, occorre prima precisare il nome completo della stessa Emma Stone. All’anagrafe, l’attrice è registrata come Emily Jean Stone. Appare evidente, dunque, che madre e figlia condividono lo stesso secondo nome. Ma perché è così importante per la loro famiglia? Jean era il nome della nonna di Emma Stone. Ma non è tutto. La nonna si chiamava Jean Louise. L’attrice, dunque, ha pensato di rendere omaggio alla sua memoria, chiamando la sua bambina con lo stesso nome, ma invertendo il primo e il secondo.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *