Eriksen migliora e… mangia una pizza. Domani potrebbe lasciare l’ospedale

Spread the love


Altro segnale positivo: il danese vuol mangiare italiano. Lo staff medico dell’Inter da Milano forse a Copenaghen. Schmeichel: “Un miracolo”

Dal nostro inviato Davide Stoppini

15 giugno
– Copenaghen

La colazione ok, ma dopo il pranzo Christian Eriksen non ce l’ha fatta più con il cibo del Rigshospitalet. Dove si stanno prendendo cura di lui in ogni modo, ma evidentemente la cucina non dev’essere proprio di gradimento del centrocampista dell’Inter. E allora Chris ha espresso una richiesta: la pizza. Messaggio recapitato presto a Per Thostesen, lo chef della nazionale danese, con tanto di ristorante nella capitale. E proprio dal ristorante ecco allora che per l’ora di cena, al 14° piano dell’ospedale, è arrivata una teglia di pizza cucinata per l’occasione.

L’appetito che non manca è l’ultimo, l’ennesimo, buon segno sulle condizioni di salute di Eriksen. Ieri è stata un’altra giornata di esami approfonditi, la seconda consecutiva, che riguardano il cuore del centrocampista. Non dovrebbe in ogni caso mancare molto al momento delle dimissioni: entro domani il danese potrebbe infatti lasciare l’ospedale. Ma non è detto che una diagnosi approfondita possa arrivare a breve: potrebbero volerci giorni ed esami ripetuti a distanza di più tempo, per andare fino in fondo e valutare cosa c’è dietro l’aritmia cardiaca che ha causato il malore di sabato scorso. E soprattutto per capire se oltre l’uomo ci sarà spazio in futuro anche per l’Eriksen calciatore.

I medici

—  

Ieri pomeriggio, ancor prima che dalla… pizza, la famiglia Eriksen – con lui in clinica ci sono la moglie Sabrina, i genitori e la sorella Louise – ha ricevuto la visita del medico della nazionale danese, Martin Boesen, l’uomo del primo intervento dopo l’arresto cardiaco. Ma pure qualche compagno di squadra in queste ore agitate ha trovato il modo di andare a trovare di persona il numero 10, Kjaer e Schmeichel su tutti. Anche l’Inter sta pensando di raggiungere la Danimarca: lo staff medico nerazzurro, che al momento resta giustamente in seconda linea per non intralciare il lavoro della nazionale danese, sembra orientato a fare un blitz a Copenaghen, anche per mostrare la propria vicinanza al calciatore, con il quale comunque i contatti non sono mancati: una decisione sarà presa nelle prossime ore, ma è chiaro che l’Inter vuole prima attendere che Chris venga dimesso. In questo clima la Danimarca intanto ieri mattina ha ripreso gli allenamenti, mentre nel Paese impazzano le polemiche contro la decisione di continuare a giocare contro la Finlandia in qualche modo “indotta” dalla Uefa. L’attaccante Braithwaite si è commosso in conferenza stampa. Schmeichel ha invece raccontato il momento dell’incontro con Eriksen: “Vederlo mi ha fatto bene. Abbiamo parlato di tutto e di niente, ma non è importante questo. Ora come nazionale vogliamo essere in grado di fare qualcosa di straordinario per lui. Poteva finire molto peggio, in fondo è stato un miracolo, ora dobbiamo trovare il modo di rimetterci in carreggiata”. Miracolo che è stato raccontato anche dal papà di Kasper, Peter Schmeichel: “Quando è entrata in campo, Sabrina ha pensato che suo marito Christian fosse morto. Mio figlio gli è corso incontro per dirle che Eriksen respirava ancora”.

Kjaer e Milan

—  

Lo stesso ha fatto pure Kjaer, il principe degli angeli custodi di Eriksen. Va raccontato come il difensore in queste ore sia stato costantemente in contatto anche con i suoi compagni del Milan. Tutti, ovviamente, hanno chiesto le condizioni fisiche del giocatore. Poi si sono informati sullo stato d’animo dello stesso milanista, provato come tutti dalla situazione, mostrandogli stima per quanto fatto per Eriksen. Kjaer ha ricevuto anche una telefonata da Stefano Pioli che, come si ricorderà, in passato ha vissuto da vicino la tragedia di Davide Astori. E un pensiero tremendo davanti alla tv, al tecnico rossonero, non può non esser venuto.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *