Giorgia Soleri piange per la vittoria del fidanzato Damiano dei Maneskin all’Eurovision

Spread the love


Le immagini di Giorgia Soleri che esulta, trema, piange e urla per la vittoria dei Maneskin al festival di Sanremo sono commoventi. La modella, compagna di Damiano, frontman della band che ha vinto l’Eurovision con Zitti e buoni, riportando la competizione in Italia dopo oltre 30 anni, ha postato varie storie in cui si mostra mentre guarda la serata finale dell’evento di Rotterdam. Da qualche settimana i due sono usciti allo scoperto, lo hanno fatto con un po’ di foto su Instagram, quindi Soleri ha potuto tranquillamente postare video e foto che mostravano l’emozione che stava vivendo in quel momento.

L’emozione sui social di Soleri per il fidanzato Damiano

Ci sono storie in cui è davanti alla tv con il suo cagnolino che passa – e si spaventa un po’ quando sente urlare per la vittoria – e altre in cui mostra la mano che trema e scrive: “Ora mi riprendo. Ora mi riprendo. Ora mi riprendo. I migliori, cazzo. E ora lo sa tutta Europa”. In un’altra storia la modella scrive: “Io che fisso il vuoto sullo schermo cercando di capire se mi son sognata tutto o è successo davvero”. Sono molte immagini in cui si vede oltre allo schermo su cui si stavano esibendo i Maneskin, anche video selfie delle sue reazioni.

L’entusiasmo e le lacrime di Giorgia Soleri

“Nel frattempo mi stava esplodendo il telefono di notifiche e io mi stavo sentendo male. È stato assurdo un’emozione assurda” ha scritto alla fine, quando i giochi erano fatti e aveva esultato a più non posso per la vittoria del compagno. In una delle storie postate si vede chiaramente il volto segnato dall’emozione e a un certo punto anche dalle lacrime, le mani in faccia, il volto a trattenere il pianto, in un miscuglio di sensazioni: “È stato assurdo. Un’emozione assurda” ha scritto in una delle storie, prima di chiedersi: “Ma è successo davvero?”.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *