Gli alisei si dirigono verso Mazara del Vallo

Spread the love


Barca da pesca Aliseo in navigazione verso Mazara del Vallo Ci sono sette membri dell’equipaggio a bordo. Il comandante Giuseppe Giacalone è stato ferito ieri dopo aver sparato alla nave italiana da una motovedetta militare libica. L’attacco è avvenuto 35 miglia a nord della costa di Al Khums. Secondo le nostre autorità, un mare grande è definito ad alto rischio. Secondo l’avvertimento della Marina libica. “Non abbiamo sparato sulla nave, abbiamo solo sparato in aria”, ha detto al telefono il generale di brigata Masoud Ibrahim Abdelsamad. “Quando il peschereccio è arrivato, la Guardia Costiera ha cercato di fermarli”.

L’arrivo delle forze militari italiane ha indotto i libici a lasciare andare il peschereccio Aliseo. La nave è subito salpata per Mazara del Vallo (Mazara del Vallo). Non è in pericolo di vita ed è già in viaggio per Mazara del Vallo. Subito dopo il salvataggio, ha chiamato suo figlio Alessandro. “Non sono ferito, non preoccuparti.” Gli dirà in quei pochi minuti. Il vetro nella sala di controllo andò in frantumi. Il frammento ha colpito la testa di mio padre e il proiettile gli ha passato il braccio. ” Dopo l’arrivo delle truppe italiane, l’uomo era stato curato a bordo. Non preoccuparti per la sua salute. Scrive la Marina Militare: “Dopo aver indagato sul medico di bordo del Liseccio, il medico è salito a bordo del peschereccio Aliseo. La ferita era di 22 mm nella zona frontale. Le condizioni generali di salute sono buone”.

La dichiarazione di Musumeci

“Siamo stanchi di questi atti violenti delle motovedette libiche. I pescatori siciliani devono lavorare in acque internazionali e tollerare l’incubo di essere arrestati, rapiti o uccisi senza colpa. Questo è intollerabile. Il governo ha lanciato un serio confronto. Io no. Voglio pensare che per Roma la tutela giuridica degli interessi economici della Libia è più importante della pelle dei pescatori siciliani “. Annuncia il Presidente della Sicilia Nello Musumeci (Nello Musumeci) Dopo l’attacco di Bengasi.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *