Il comitato di vigilanza può obbligare Facebook a seguire le proprie regole?

Spread the love


Il comitato di supervisione di Facebook ha finalmente preso la decisione più importante fino ad oggi: se la sospensione “a tempo indeterminato” di Donald Trump da parte di Facebook debba essere permanente.Tranne, solo Tipo È stata presa una decisione.

nel , Il consiglio di amministrazione ha affermato che, sebbene fosse d’accordo con la richiesta iniziale di Facebook di sospendere Trump, non era d’accordo con la sua gestione della situazione e che la società dovrebbe decidere se Trump dovrebbe essere in grado di tornare sulla piattaforma. Di conseguenza, il destino dell’account Facebook di Donald Trump è tornato a galla. Rete sociale, Nick Clegg ha sei mesi di determinazione. Se fa appello al comitato di sorveglianza, può ritardare o anche più a lungo. la seconda volta -I membri del consiglio ammettono prontamente che questa è una possibilità unica.

Non a caso, non tutti sono soddisfatti di questo risultato. “Real Facebook Oversight Committee” , Definendo questa decisione “un tentativo disperato in due modi”. Stava scrivendo: “La decisione di oggi mostra che l’esperimento del Comitato di sorveglianza di Facebook è fallito”. .

Da parte sua, il comitato di sorveglianza ha raccomandato di non avere una chiara decisione su Trump e mirava a inviare un messaggio forte a Facebook. Il consiglio di amministrazione ha scritto nella sua decisione: “Quando ha imposto multe incerte e non standard e quindi ha sottoposto il caso al consiglio di amministrazione per la risoluzione, Facebook ha cercato di eludere la propria responsabilità”. “Il comitato ha respinto la richiesta di Facebook e ha insistito sulla domanda di Facebook. E si è dimostrato colpevole. e punito. “In altre parole: quando si tratta di Trump, Facebook ha bisogno di ripulire il suo casino.

Trump è un disastro

Indipendentemente dal parere del comitato di vigilanza, questa particolare decisione sembra sorprendere quasi tutti. Alcune persone si chiedono se il consiglio abbia reagito alle critiche diffuse secondo cui l’organizzazione esiste solo per fornire copertura politica a Facebook. Dopotutto, l’invio di casi altamente controversi e altri casi “di confine” al pannello è un modo conveniente per Facebook per evitare di prendere decisioni difficili e inevitabili impopolari (soprattutto decisioni che possono portare a un maggiore controllo normativo).

Ovviamente Facebook non è d’accordo. Clegg ha dichiarato: “Stiamo lavorando duramente per massimizzare l’uso delle decisioni prese da Facebook come azienda privata e per renderlo trasparente e responsabile nei confronti delle agenzie indipendenti”. Secondo la decisione del consiglio di amministrazione.

Tuttavia, la decisione del comitato di vigilanza di restituire la questione a Facebook coinvolge questioni molto più profonde di Trump. Una delle questioni più degne di nota sollevate dal comitato di vigilanza nella sua decisione di 12.000 parole è che Facebook non è particolarmente bravo a implementare costantemente le proprie politiche, soprattutto quando si tratta di politici e altre figure influenti.

Nelle teleconferenze con i giornalisti, i co-presidenti del comitato di supervisione Michale McConnell e Helle Thorning-Schmidt hanno ripetutamente criticato la capacità di Facebook di applicare le proprie regole in modo ragionevole. Thorning-Schmidt ha dichiarato: “Il comitato di supervisione ha detto a Facebook che non potevano semplicemente inventare nuove regole non scritte quando è appropriato per loro.” McConnell ha detto che la sospensione di Trump era solo un esempio di “temporanea” di Facebook e ha sottolineato che il consiglio ha ricevuto più di 20.000 reclami da parte degli utenti, molti dei quali non hanno compreso le politiche del social network o le ragioni per agire contro i loro account.

Influenza Facebook

Tuttavia, solo per sottolineare che le scappatoie nella politica di Facebook sono solo finora. L’azienda esiste da molti anni (di solito, ) È stato accusato di fare le proprie regole per accogliere Trump o evitare decisioni politicamente pericolose. Il comitato di sorveglianza sta ora rispondendo ad alcune di queste critiche, con pochi cambiamenti.

Ma il consiglio ha la capacità di influenzare le regole di Facebook, incluso il modo in cui tratta Trump. Oltre alle decisioni di eliminazione / conservazione dei file binari, il team fornisce anche raccomandazioni sui criteri per ciascuna situazione. A differenza delle domande specifiche sulla revisione dei contenuti, Facebook non ha bisogno di seguire le istruzioni del consiglio di amministrazione, ma deve rispondere e fornire spiegazioni.

Queste raccomandazioni sono dove il comitato di supervisione spera di promuovere un cambiamento significativo. Nel caso della sospensione di Trump, ha formulato alcune raccomandazioni. Tra loro:

  • Facebook dovrebbe “spiegare apertamente le regole che utilizza quando impone sanzioni a livello di account agli utenti influenti”.

  • “Quando Facebook implementa procedure speciali per utenti influenti, questi documenti dovrebbero essere ben documentati”.

  • “Facebook dovrebbe dichiarare le sue procedure di sciopero e punizione negli standard e nelle linee guida della comunità per limitare i dati personali, le pagine, i gruppi e gli account su Facebook e Instagram in modo chiaro, completo e accessibile”.

  • “Facebook deve resistere alle pressioni del governo per sopprimere i suoi oppositori politici. Quando valuta discorsi politici di utenti altamente influenti, Facebook dovrebbe aggiornare rapidamente il processo di revisione dei contenuti a un linguaggio familiare e un background politico e non immune da politica ed economia. Personale specializzato per l’intervento e indebita influenza.”

  • “Secondo la valutazione degli standard internazionali sui diritti umani, quando è probabile che i post di utenti influenti causino un danno imminente, Facebook dovrebbe agire per far rispettare rapidamente le sue regole”.

  • “Facebook dovrebbe condurre una revisione completa della sua possibile narrativa di frode elettorale e del potenziale impatto delle crescenti tensioni, in ultima analisi, esacerbando la violenza negli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. Questo dovrebbe essere un riflesso pubblico del design e delle scelte politiche di Facebook. Ha abusato della sua piattaforma “.

Ma Facebook ha indicato che non è disposto a collaborare pienamente. Il consiglio di amministrazione ha dichiarato nella sua decisione che la società non ha risposto a diverse domande chiave, comprese alcune relative alle questioni sollevate nelle sue raccomandazioni politiche.

Ad esempio, il consiglio ha osservato che Facebook non risponderà alle domande chiave su come il feed di notizie o altre funzionalità di Facebook potrebbero amplificare i post di Trump, o se la società intende studiare “quelle decisioni di progettazione relative agli eventi del 6 gennaio 2021”. “Questi problemi riguardano alcuni dei problemi più basilari che circondano la sospensione di Trump, incluso il ruolo di Facebook nel non riuscire a fermare le azioni di Trump. .

Allo stesso modo, il consiglio di amministrazione ha affermato che Facebook ha anche rifiutato di rispondere a domande sul trattamento riservato ad altri politici e se è stato “contattato da funzionari politici o dal loro personale in merito alla sospensione dell’account di Trump” o se la sospensione ha influito sulla pubblicità politica. Secondo il consiglio di amministrazione, Facebook ha dichiarato che alcuni di questi requisiti non sono “requisiti ragionevoli” secondo le regole del comitato di sorveglianza.

Tutto ciò solleva ancora una volta domande su quanta influenza Facebook è disposto ad avere sul comitato di sorveglianza. Il trattamento della società per i funzionari eletti, le sue regole per gli annunci politici e le conseguenze dei suoi algoritmi sono alcuni dei problemi più consequenziali con cui è attualmente alle prese. Se Facebook non è nemmeno disposto a rispondere a domande su questi argomenti, sembra improbabile che lo sarà completamente supervisionato Tutte le modifiche alle politiche del comitato.

Inoltre, Facebook ha un record misto nel rispondere alle raccomandazioni della politica del consiglio. Finora, la società ha rilasciato solo una serie di risposte al consiglio di amministrazione.Anche se dice che è “impegnato in azione” in diverse aree, è molto . Se rifiuta ancora una volta di apportare modifiche specifiche in questa situazione, ciò dimostrerà ulteriormente che il più grande critico del comitato di supervisione ha ragione: dopotutto non può supervisionare Facebook.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti beni tramite uno di questi link, potremmo ricevere una commissione di adesione.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *