Il tedesco No Vaxes confronta la restrizione Covid con l’Olocausto e indossa la Stella di David

Spread the love


Un gruppo di manifestanti tedeschi contrari al blocco e alla vaccinazione del Covid ha messo una stella gialla sul loro cappotto, che è lo stesso del cappotto imposto agli ebrei dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, sostituendo “Jude” con “Ungeimpft” (non vaccinato) . Vaccine), cercando di equiparare goffamente la decisione del governo di limitare la diffusione del contagio con la persecuzione degli ebrei da parte del regime nazista. Il commissario tedesco per l’antisemitismo Felix Klein ha esortato le autorità a punire questi atti provocatori:I manifestanti che indossavano la Stella di David hanno confrontato le restrizioni imposte durante la pandemia con l’Olocausto Secondo la legge, dovrebbero essere puniti “, ha detto al quotidiano Tagesspiegel. I nazisti hanno costretto a indossare il distintivo giallo della Stella di David sulla Germania e su tutti i territori sotto la sua occupazione, disumanizzando gli ebrei e contrassegnandoli come unici. Diverso. Se non ci sono stelle, rischiano multe, reclusione e persino la morte.

Come molti italiani, l’argomento del negazionista tedesco è- L’organo di governo (governo, Leander, ecc.) Ha violato la loro libertà personale esagerando le effettive conseguenze del Covid-19. Secondo Covid-19, sarà una malattia. Come molte altre malattie, è completamente controllabile e per niente serio. Secondo questi attivisti “anti-blocco”, più di 84.000 vittime della pandemia tedesca sono effettivamente morte per altri motivi: come i loro “colleghi” italiani, questi negazionisti credevano che mancasse l’autopsia. Impossibile stabilire se ” morì di Covid “o” morì di Covid “. Entro il 2020, ci saranno più di 2.300 crimini antisemiti in Germania: secondo Felix Klein, questo numero è spaventoso, ma non sorprendente, perché le persone sono più disposte ad accettare durante i periodi di crisi. Le spiegazioni irrazionali includono stereotipi antisemiti. “

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *