In un altro incidente sul lavoro, un contadino è stato allagato e ucciso da una grossa balla di fieno in Alto Adige.

Spread the love


Nella foto: Immagini di stock

ancora uno Infortunio sul lavoro,questa volta Alto Adige Un luogo dove un contadino è stato investito e ucciso da un uomo danza di fieno Pesa più di 400 chilogrammi.L’incidente è avvenuto nel piccolo paese di Teodone a Brunico: la vittima è stata Sandro Casarotto, 64 anni. Anche il fratello della vittima ha assistito all’incidente e ha ammucchiato con sé grandi sacchi nella stalla.

L’incidente davanti al fratello della vittima

Verso le 9 del mattino dello stesso giorno è suonato l’allarme, quando qualcuno ha chiesto interventi del 118 nei pressi dell’agriturismo. Teodone Un incidente è avvenuto nei pressi di Brunico in Val Pusteria nelle vicinanze. È qui che in pochi minuti sono arrivati ​​i soccorritori della Croce Bianca di Brunico con il Cabinelli. Purtroppo le condizioni dell’agricoltore si sono subito aggravate: l’uomo ha riportato gravi ferite da schiacciamento e il personale medico non ha potuto confermare la sua morte. Allo stesso tempo, i militari hanno cercato di ricostruire quello che è successo: l’uomo ei suoi fratelli stavano accatastando il fieno nella fattoria, e quando uno dei fasci del peso di circa 400 chilogrammi di fieno è caduto dal mucchio, l’uomo è stato ucciso. soffio.

Ministro Orlando: Le condoglianze non bastano, dobbiamo farlo

Sono innumerevoli gli infortuni sul lavoro avvenuti in Italia nei giorni scorsi. Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, si è recato a Prato per partecipare all’evento dopo la morte della 22enne Luana D’Orazio. Conferenza sugli infortuni sul lavoro tenuta in provincia. Un operaio di tre anni dello Stato di Agliana, lunedì scorso: “La consolazione non basta, l’intimità non basta, e lo sdegno non basta per farlo accadere in fretta. Questo è quello che dobbiamo fare. Affrontiamolo. Tutti. le agenzie di controllo comprendono quali interventi possono rafforzare ulteriormente gli strumenti di prevenzione e risposta ai rischi ”.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *