Inter-Young ai titoli di coda: l’inglese va via a testa alta

Spread the love


In scadenza il 30 giugno, difficilmente il club deciderà di prolungare. In ogni caso, Ashley si è fatto valere

A luglio gli anni saranno 36. Tanti, ovviamente, ma il fisico c’è ancora. E pure la voglia, perché con l’assenza del pubblico si può ascoltare chi, più di altri, si fa sentire: la voce di Ashley Young è continua, parecchio alta. Spessissimo lo vediamo sbracciarsi là sulla sinistra, la palla la vuole sempre. Impegno massimale e un attaccamento alla maglia che ha mostrato da subito, nonostante l’Inter rappresenti una minima parte di una carriera vissuta solamente con tre club (Watford, Aston Villa e Manchester United). L’esterno inglese merita gli applausi del pubblico nerazzurro, indipendentemente da un futuro che lo vedrà lontano da Milano.

Pure Kolarov ai saluti

—  

Il contratto con l’Inter scadrà il 30 giugno, verosimilmente la società non proporrà il rinnovo nell’ottica di un’operazione rivolta al risparmio (in primis) di certi ingaggi (clicca per l’approfondimento). Ashley guadagna 3 milioni di euro netti, come Aleksandar Kolarov, altro “esperto” destinato a salutare. Tuttavia, la situazione del serbo è decisamente diversa: non è mai stato protagonista, al contrario di Young che dal 17 gennaio 2020 – momento dell’arrivo ad Appiano Gentile – ha totalizzato 58 presenze, quattro gol e nove assist. In una stagione e mezza, uno score non male.

Ottimo professionista

—  

Ad Appiano Gentile lo descrivono come un professionista esemplare, onestamente non si fatica a crederlo: mai una parola fuori posto e un entusiasmo che mai ha nascosto da quando veste il nerazzurro. Quest’anno ha pagato l’ottimo rendimento di Perisic e la duttilità di Darmian, ma i 25 match giocati in campionato (con quattro assist) confermano che sullo scudetto la sua firma ci può stare. Rinnovo (molto difficile) o meno, i tifosi nerazzurri lo ringrazieranno: Young ha fatto bene e ci ha sempre messo l’anima. E questo, a volte, può contare più di ogni altra cosa.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *