La Guardia Costiera libica ha sparato su un peschereccio italiano: un comandante è rimasto ferito

Spread the love


CC
6 maggio 2021, 19:06

Girato su un peschereccio italiano vicino alla costa di Bengasi. Il peschereccio Aliseo della flotta di Mazara del Vallo ha impegnato altre due imbarcazioni mentre era in marcia al largo di Bengasi ed è stato colpito da una motovedetta della Guardia Costiera libica. La sparatoria ferì al braccio Giuseppe Giacalone, comandante dell’industria e del commercio.

La Marina libica, che controlla la Guardia Costiera, ha negato di aver aperto il fuoco su pescherecci “italiani”, ma ha ammesso che il “tiro aereo” serviva a fermare i pescherecci che si diceva fossero penetrati nelle acque territoriali libiche. Ad esempio, lui ha detto: Chiama aAnsa Portavoce della Marina libica. “Quando i pescherecci sono arrivati, la nostra guardia costiera ha cercato di fermarli”, ha aggiunto il portavoce, promettendo di fornire maggiori dettagli e insistendo sul fatto che “non ci sono lenti puntate sulla barca”. Ci sono quattro o cinque barche da pesca nelle acque territoriali. Senza il permesso del governo libico, il portavoce ha proseguito: “Una delle funzioni della nostra guardia costiera è controllare la pesca. “

Sindaco di Mazara del Vallo: “I morti prima o poi scapperanno”

La fregata della Marina Libecchi partecipante all ‘”Operazione Mare Sur” “è intervenuta questo pomeriggio per assistere tre pescherecci italiani (Artemide, Ariseo e Nova Cosimo) nelle attività di pesca nelle acque della Tripolitania”. Comitato interministeriale di coordinamento per i trasporti e la sicurezza delle infrastrutture (a circa 35 miglia nautiche dalla costa libica a nord della città di Al Khums), la Marina ha sottolineato in una nota che a causa di una guardia costiera libica la motovedetta della squadra è rapidamente salpata verso il peschereccio italiano , quindi è stato necessario intervenire “.

Il peschereccio Aliseo è ora diretto in Italia. Ha detto ai pescatori: “Prima o poi i morti ci sfuggiranno. Ne sono sicuro. I pescatori saranno sempre in pericolo nella zona finché non si troverà una soluzione a questo problema”.Arden Kronos Sindaco di Salvatore So. Mazara del Vallo.Parla con l’agente Dire, Il proprietario di Mednea paschereccio, è stato sequestrato il 1 settembre 2020e Rilasciato dopo 108 giorni di reclusione a Bengasi, Ha definito quello che è successo oggi come una “brutta situazione. Hanno sparato a un peschereccio in una zona teoricamente” amichevole “, che si trova sul lato di Tripoli. Sparare all’altezza degli occhi è assurdo”.

Continua a leggere su Today.it



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *