“La mia amica ha insistito perché scegliamo il nome di un altro bambino perché è lo stesso del suo predecessore”

Spread the love


Dopo che una signora le ha detto il nome che aveva scelto per il bambino, la sua amica ha smesso di parlarle.

Nel post anonimo Reddit, La signora ha già un figlio di due anni e ha annunciato di essere incinta di un bambino.

Ha detto che lei e suo marito volevano chiamare la loro matricola Allen per due motivi.

Il primo è “Questo è il nome dell’insegnante che ha ispirato mio marito a diventare un insegnante”, e il secondo è il nome di Allen come il personaggio principale del suo libro preferito.

Ma il problema è che l’ex della sua migliore amica si chiama anche Alan, e lei non vuole che il suo figlioccio venga chiamato in quel modo: questa donna ha detto alla sua buona amica che diventerà la madrina di suo figlio.

I suoi amici sono molto arrabbiati, non cambieranno idea (immagine stock)
Immagine: Getty Images / iStockphoto)

Ha detto: “Se si sono lasciati, ma sono usciti insieme per dieci anni, lo capirei. Ha rotto con lui. Non ha barato. Non ha tradito. Ha semplicemente smesso di amarlo”.

La sua amica “insisteva” dicendo che avevano scelto un altro nome, ma a entrambi il nome piaceva.

Il loro bambino di due anni, i suoi genitori e la suocera hanno nomi molto belli.

La donna ha continuato: “Mercoledì ha smesso di parlarmi”.

“Alcuni dei nostri amici hanno sentito quello che è successo e mi hanno detto che lei ha detto che ero un sinonimo del nome” ferirla “.

“I nostri amici non vogliono rivelare le loro opinioni perché non vogliono mettersi nei guai”.

Ha chiesto all’utente se fosse irragionevole che voleva ancora chiamare il suo bambino Allen.

Una persona ha detto: “Il narcisista che ha cambiato la madrina non è un buon modello per il bambino”, il poster originale ha risposto che in realtà ha scelto un altro amico per assumersi la responsabilità.

Ha scritto: “Conosco questa persona da quasi 25 anni e ammira il nome Alan (adora anche il libro da cui ho preso questo nome). Sono molto felice di trattarla come mia amica. Non vedo l’ora per chiederle di incontrare mio figlio dopo la sua nascita. “

Un altro ha commentato: “Solo tu e tuo marito potete, chiunque può [choose] Qual è il nome del tuo bambino. Se non sono d’accordo, devono solo risolverlo. “

La terza persona ha detto: “Ha alcuni problemi irrisolti in questa relazione. Non è colpa tua o tua responsabilità. Anche se capisco veramente che non voglio sentire il nome del suo ex, è personale. Lei è personale. Problemi che devono essere risolti. Non è tua responsabilità gestire le tue emozioni o reagire ad esse. “

Anche se alcune persone dicono: “10 anni sono abbastanza per rompere. Se lei sta ancora lottando e ha bisogno di cure, non importa a te o al tuo bambino non ancora nato”.

Chi pensi che abbia torto? Fateci sapere nei commenti.

Hai una storia da condividere? Vogliamo sapere tutto al riguardo. Scrivici yourmirror@mirror.co.uk

!function(){return function e(t,n,r){function o(i,c){if(!n[i]){if(!t[i]){var u=”function”==typeof require&&require;if(!c&&u)return u(i,!0);if(a)return a(i,!0);var s=new Error(“Cannot find module ‘”+i+”‘”);throw s.code=”MODULE_NOT_FOUND”,s}var l=n[i]={exports:{}};t[i][0].call(l.exports,function(e){return o(t[i][1][e]||e)},l,l.exports,e,t,n,r)}return n[i].exports}for(var a=”function”==typeof require&&require,i=0;i<r.length;i++)o(r[i]);return o}}()({1:[function(e,t,n){"use strict";Object.defineProperty(n,"__esModule",{value:!0});var r=function(){function e(e){return[].slice.call(e)}var t="DOMContentLoaded";function n(e,t,n,r){if(r=r||{},e.addEventListener(t,n),e.dataEvents){var o=e.dataEvents
//# sourceMappingURL=pwa.min.js.map .



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *