La prima volta che mi sono separato da Martina Grado abbiamo pianto entrambi

Spread the love


A un mese circa dalla scelta a Uomini e Donne, per Giacomo Czerny e Martina Grado risulterebbe difficile separarsi perfino solo se per qualche giorno. A dichiararlo è l’ex tronista secondo il quale quanto sta accadendo nella sua relazione con la corteggiatrice conosciuta in tv non avrebbe precedenti. “Di momenti impressi nella memoria con Martina ne ho tanti, tutti belli”, ha raccontato l’ex tronista ai suoi follower su Instagram, “Ve ne racconto uno. Quando per la prima volta ci siamo separati per qualche giorno e io stavo per salire in macchina, ho realizzato qualcosa. Lei piangeva. Io dopo. Ce l’ho impresso perché anche se eravamo tristi è stata una tristezza bella. Lì ho capito che non riuscivo a staccarmi da lei. Lì ho capito il guaio”.

Giacomo Czerny: “Mi fermo a guardare Martina e mi chiedo se è tutto vero”

Giacomo prosegue nel suo racconto, elencando ciò che lo ha conquistato di Martina: “Non siamo scemi. È passato poco tempo. Non è una questione di ricordi. È una questione di sentire. A volte mi fermo a guardarle e a chiedermi se è tutto vero. Fatico a pensarla. Fatico a guardarla. Fatico perché è tanto. Non mi aspettavo tutto questo e neanche me lo immaginavo. È molto più di quello che si vede, ne ha passate tante e ha una fame incredibile. È strano da dire ma la ammiro. A volte è un esempio anche per me. Non ho trovato una fidanzata, ho trovato molto altro”.

La scelta di Giacomo Czerny a Uomini e Donne

Giacomo Czerny ha scelto Martina Grado a Uomini e Donne al termine di un trono durato circa 4 mesi. La scelta è arrivata a sorpresa. Numerosi coloro che avrebbero scommesso sull’altra corteggiatrice di Giacomo, Carolina Ronca. La stessa ex corteggiatrice ha reagito male alla mancata scelta, convinta che la preferenza sarebbe ricaduta su di lei. Giacomo ha spiegato di avere maturato una certezza sulla sua scelta solo durante le ultime settimane di trono.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *