la sua auto aveva colpito un capriolo

Spread the love


in foto: Enrica Franchini (Facebook)

Stava percorrendo l’autostrada A14 alla guida della sua auto quando si è scontrata con un capriolo che ha improvvisamente attraversato la strada, è morta così Enrica Franchini, 49 anni e residente a Sassuolo. Era ricoverata all’ospedale Maggiore in condizioni critiche dopo essere stata soccorsa dal personale medico giunto sul luogo dell’incidente. Troppo gravi le ferite riportate nell’impatto ed Enrica è deceduta diverse ore dopo l’arrivo in nosocomio.

Enrica uccisa dall’impatto con l’animale

In auto con lei c’era la sorella, 52anni, che è stata ricoverata nello stesso ospedale in stato di shock: è uscita quasi illesa dall’auto nonostante il violento impatto col guardarail della vettura. Stando a quanto ricostruito finora sembra che la 49enne stesse tornando a casa da Milano Marittima e stava procedendo lungo l’Autostrada A14 quando, giunta nei pressi di Borgo Panigale, si è trovata davanti a un capriolo che non è riuscita a evitare. L’impatto ha fatto uscire fuori strada la vettura che si è schiantata contro il guardarail: intanto l’animale col suo grosso peso e a causa dell’alta velocità della macchina ha sfondato il paraprezza dalla parte del volante, dove era seduta Enrica.

La famiglia ha autorizzato la donazione degli organi

L’animale ha colpito la 49enne alla testa e al collo prima di finire dall’altro lato della vettura che intanto dopo aver fermato la sua corsa è stata in parte travolta da un mezzo pesante. Immediato l’intervento dei soccorritori e della polizia stradale che ha bloccato il traffico per permettere agli operatori sanitari di intervenire. Purtroppo però la situazione era sembrata già gravissima da subito ed Enrica è morta questa mattina: la famiglia ha autorizzato la donazione degli organi.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *