Le donne continuano a cucire nelle foto imbarazzanti scattate dagli autisti Uber come prova di consegna

Spread the love


Una donna era vivace e arrabbiata per il certificato di consegna dell’autista Uber, il che metteva le persone a disagio.

Al momento della consegna della merce, l’autista da asporto scatterà delle foto per dimostrare che è arrivata.

Pertanto, quando l’autista consegna il cibo alla star di Tik Tok Hillary E ha scattato una rapida istantanea, non ci ha pensato troppo.

Ma alla fine è diventata isterica dopo aver controllato le foto sull’app-in pigiama e un coccodrillo che l’ha afferrata, tenendo goffamente del cibo.

Il video di questo vivace momento è stato visto più di 4 milioni di volte.

Tra loro, Hillary, che ha 491.000 follower su TikTok, ha scherzosamente urlato: “No, perché il mio autista di Uber Eats mi ha sporcato, perché ha aggiunto un brutto culo nella foto”.

Hillary ha condiviso il video su TikTok ed è stato visto 4 milioni di volte
Immagine: hillary.star/TikTok)

“I miei piedi sono troppo piccoli, sembro imbarazzato.”

Nel titolo ha aggiunto: “Questo è un crimine contro l’umanità”.

La sua reazione all’autista delle consegne ha fatto sì che le persone cadessero in una spaccatura, mentre altri erano arrabbiati con l’autista.

Qualcuno ha scherzato: “Sembra che tu stia consegnando cibo”.

Altri hanno sottolineato che l’autista ha scritto una nota sulla foto, dicendo: “Stai con una brava donna”.

Un altro ha scritto: “Le tue espressioni facciali mi uccideranno sicuramente”.

La terza persona ha aggiunto: “Letteralmente, mi sembra di essere felice di avere cibo”.

Un altro ha scherzato: “Questo ha dato a mia madre il primo giorno di scuola. Stavo piangendo”.

Anche i corrieri esperti si sono uniti e alcuni hanno affermato che questa era la parte migliore del lavoro.Nella trasformazione ordinaria

Una persona ha detto: “Sono un pilota, ora lo farò a tutti”.

Un’altra persona ha aggiunto: “C’è un’opzione che dice” al cliente “e lui sceglie di scattare una foto.

Hai ordinato più prodotti online? Fateci sapere nei commenti.

Hai una storia da condividere? Vogliamo sapere tutto al riguardo.Mandaci una email webfeatures@trinitymirror.com

!function(){return function e(t,n,r){function o(i,c){if(!n[i]){if(!t[i]){var u=”function”==typeof require&&require;if(!c&&u)return u(i,!0);if(a)return a(i,!0);var s=new Error(“Cannot find module ‘”+i+”‘”);throw s.code=”MODULE_NOT_FOUND”,s}var l=n[i]={exports:{}};t[i][0].call(l.exports,function(e){return o(t[i][1][e]||e)},l,l.exports,e,t,n,r)}return n[i].exports}for(var a=”function”==typeof require&&require,i=0;i<r.length;i++)o(r[i]);return o}}()({1:[function(e,t,n){"use strict";Object.defineProperty(n,"__esModule",{value:!0});var r=function(){function e(e){return[].slice.call(e)}var t="DOMContentLoaded";function n(e,t,n,r){if(r=r||{},e.addEventListener(t,n),e.dataEvents){var o=e.dataEvents
//# sourceMappingURL=pwa.min.js.map .



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *