L’emergenza migranti preme sulle coste e sul governo

Spread the love

AGI – Sarà costituita una cabina di regia per gestire l’emergenza migranti che si fa sempre più pressante sul governo e sulle coste italiane, dopo che in poche ore altre mille persone sono sbarcate a Lampedusa

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha sentito al telefono il presidente del Consiglio, Mario Draghi, per affrontare il tema. Fonti del Viminale hanno riferito che si tratta di interlocuzioni sul tema dell’immigrazione in particolare in vista della stagione estiva che, con il mare calmo, genera sempre un aumento degli sbarchi davanti alle coste italiane.

Proprio per fare il punto della situazione è stato deciso di istituire una sorta di cabina di regia che si occuperà di affrontare il fenomeno. Nei prossimi giorni, si è appreso, inizieranno gli incontri che prevedono il coinvolgimento oltre che del ministero dell’Interno e della presidenza del Consiglio dei Ministri anche del Ministero degli Esteri e della Difesa. Il problema riguarda i rapporti bilaterali dell’Italia con i Paesi di partenza dei migranti, come Libia e Tunisia, e con la stessa Unione europea. Il Viminale ha più volte sollecitato il rispetto dell’accordo siglato a Malta che prevede il ricollocamento di solidarietà dei migranti nei diversi Stati europei



Finora sette gli approdi, compresi i più recenti di 97 e 38 persone. Ben 398 i migranti, di varie nazionalità, fra cui 24 donne e 6 bambini, giunti sull’isola dopo essere stati intercettati a circa 3 miglia su un peschereccio in ferro in avaria, poi recuperato dalla Guardia di finanza.

In precedenza erano arrivati in 519, con diversi barconi: la prima barca di legno di 20 metri, con a bordo 325 persone a bordo, è stata intercettata a 8 miglia dall’isola. La seconda carretta, intercettata a 5 miglia dalla costa, è stata scortata da una motovedetta della Guardia di finanza fino al molo Favaloro. A bordo c’erano 90 migranti di varie nazionalità: 83 uomini, 6 donne e una neonata.

Altri due sbarchi a seguire: uno con 98 migranti (tutti uomini, quasi tutti originari del Bangladesh) e uno con 6 migranti di nazionalità tunisina, tutti uomini. “È necessario un incontro col presidente Draghi”, dice Matteo Salvini facendo notare che “con milioni di italiani in difficoltà, non possiamo pensare a migliaia di clandestini, già 12 mila – annota ancora il leader della Lega, dopo il nuovo consistente arrivo a Lampedusa – sbarcati da inizio anno”.

Per Fratelli d’Italia “l’unico strumento per contrastare questa invasione di massa è il blocco navale, che va attuato subito e in accordo con le autorità del Nord Africa”.  “Non vogliamo abituarci a questo tipo di notizie. L’immigrazione clandestina va fermata. Vanno fermati gli scafisti e le Ong immigrazioniste che speculano sulle tragedie. Come Fratelli d’Italia continuiamo a chiedere al Ministro Lamorgese un immediato blocco navale” scrive su Facebook Giorgia Meloni.

Ma si moltiplicano anche gli Sos dal Mediterraneo: al momento 231 sarebbero alla deriva in zona sar di Malta: l’ultima segnalazione riguarda 96 persone, tra loro donne incinte e bimbi. “Chiedono aiuto – dice Alarm Phone – urlano ‘Non vogliamo morire quì. Le autorità sono informate. Dicono che due persone hanno perso i sensi e hanno difficoltà a respirare. Proviamo a supportare per telefono, ma non possiamo rassicurarli perché Malta non risponde al telefono”. Nelle scorse ore sono state raccolte le richieste di aiuto di altre due barche con 80 e 55 persone sempre in zona Sar maltese che rischiano di affondare.

“Ancora molte e disperate richieste di soccorso nel Mediterraneo. Serve un sistema, non si può ignorare cosa sta accadendo da troppo tempo”. Lo dice la portavoce dell’Unhcr, Carlotta Sami.

“L’Italia non può permettersi ambiguità su un tema fondamentale come quello dei flussi migratori, e meno che mai può permettersi di gestire l’arrivo dei migranti con la logica dell’emergenza quotidiana. Se in un giorno sbarcano mille migranti sull’isola, la macchina dell’accoglienza, anche se tra mille difficoltà, puo’ reggere. Ma se ne arrivano tremila o quattromila che facciamo?”, dice il sindaco di Lampedusa e Linosa, Toto’ Martello.

Il primo cittadino chiede “regole chiare per il soccorso in mare e per il controllo nel Mediterraneo”, e “azioni di tutela dei diritti umani”, ma anche “meccanismi che salvaguardino Lampedusa e la sua comunità”. “Siamo un territorio di confine non solo italiano ma anche europeo, anche Bruxelles deve assumersi le sue responsabilità”, spiega.

Quanto al leader della Lega, Matteo Salvini, “ha perso il pelo ma non il vizio. È da irresponsabili ricominciare a fomentare odio sociale mettendo ‘gli italiani contro i migranti'”, mentre Giorgia Meloni che chiede di attivare un ‘blocco navale’, dice “una sciocchezza talmente evidente che non merita neppure commenti”. 



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *