Meghan non si è suicidata per non farmi soffrire ancora e perché incinta

Spread the love


Il principe Harry nella nuova intervista con Oprah Winfrey nel corso di “The Me You Can’t See”, lo show per Apple Tv della conduttrice più famosa del mondo, ha parlato del rapporto con Meghan Markle. Sostenendo che la moglie non ha seguito gli istinti suicidi, vissuti mentre era incinta del primogenito Archie, perché non voleva causargli altro dolore da aggiungere a quello vissuto a 12 anni, quando la madre Lady Diana è morta in un incidente d’auto.

Perché Meghan non si è suicidata

Nell’intervista con Oprah il principe Harry – oltre a confessare che era disposto a bere e a drogarsi, “pur di sentire meno dolore” – ha parlato dell’amore dimostrato da Meghan nei suoi confronti. “La cosa che le ha impedito di suicidarsi è aver capito quanto sarebbe stato ingiusto nei miei confronti dopo tutto quello che era successo a mia madre. Non ha voluto mettermi nella condizione, ancora una volta, di perdere un’altra donna nella mia vita. E soprattutto non con un bambino dentro di lei. Il nostro baby “, ha detto a Winfrey.

Harry ha anche ammesso di vergognarsi per “come ho gestito la situazione“. Aggiungendo che ha avuto molta paura di perdere Meghan: “La cosa che mi ha spaventato di più è stata capire che mentre pensava a quelle brutte cose era lucida. Non era pazza. Non si stava rifugiando, in droghe o alcol (come ho fatto io, ndr). Era assolutamente sobria. Eppure nella quiete della notte si svegliava“.

Meghan nell’intervista di marzo da Oprah

Durante la loro intervista congiunta con Winfrey lo scorso marzo, Meghan aveva detto di aver raggiunto un punto di rottura con la Royal Family quando  un suo membro le avrebbe domandato di che colore sarebbe stata la pelle del suo bambino. Il presunto episodio razzista raccontato dalla duchessa (che non ha mai rivelato il nome del membro della famiglia reale che le ha rivolto la domanda) ha generato molti pensieri alla donna, che nell’intervista dichiarò: “Non vedevo una soluzione. Mi sedevo sul letto la notte e pensavo, senza però trovare soluzioni. Una notte ho capito che tutto quello che stava succedendo, accadeva solo perché  stavo respirando“.

Le lacrime di Meghan prima della messa in onda dell’intervista

Nella sua nuova docu-serie il Duca di Sussex ha parlato anche della preoccupazione di Meghan per la messa in onda dell’intervista. Alcuni giorni prima della sua pubblicazione il The Times aveva divulgato alcune anticipazioni e da lì erano partiti numerosi attacchi nei confronti di sua moglie. Secondo quanto rivelato dal principe a Winfrey: “Meghan era molto triste a causa degli attacchi e della campagna diffamatoria che riceveva da parte di numerosi tabloid britannici“.

L’ex attrice avrebbe quindi sofferto molto l’attenzione morbosa della stampa, in particolare di quella britannica. “Ricordo la sera in cui le sue lacrime mi hanno svegliato nel cuore della notte. Vederla piangere con la testa immersa nel cuscino era straziante. Ci siamo stretti in un forte abbraccio“, ha raccontato lui parlando delle sere prima della messa in onda.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *