“ Non ho cambiato il bambino una volta in ospedale dopo il parto, ma l’ho cambiato due volte. ”

Spread the love


“E se tuo figlio di due anni non fosse proprio tuo figlio a causa del caos in ospedale?”

Questa è una domanda ipotetica che è andata avanti su TikTok nelle ultime settimane e, onestamente, è difficile immaginare cosa penserai o farai.

Ad eccezione di una donna quasi priva di immaginazione, il suo bambino è stato scambiato non una ma due volte dopo il parto in ospedale, quasi senza immaginazione.

TikToker Becky Martin Ha affermato che il personale dell’ospedale ha cercato di consegnarle il bambino sbagliato in due diverse circostanze quando si stava riprendendo dalla nascita dei primi due bambini.

Becky Martins ha detto che il personale dell’ospedale ha mescolato il suo bambino due volte

Ha detto: “Quindi ho effettivamente mandato il bambino in ospedale. Non una, ma due volte. Ora che uno di loro ha solo due anni, le cose non sono ancora finite”.

“Nel mio primo figlio, hanno spinto un maschietto, ed erano come … Abbiamo nutrito il tuo bambino per te, ed io ero come … stavo allattando? E loro erano come … Oh, mi dispiace , piccola. “

Becky ha continuato: “La seconda volta, hanno spinto una bambina, erano come … questa è tua figlia, e noi siamo come … lei è già nella nostra stanza.” Oops.

Pertanto, sarai molto grato che quando si tratta del suo terzo figlio, non lascerà mai quel bambino invisibile anche quando vede un medico.

“Certo, ci hanno combattuto per questo. L’infermiera responsabile è entrata e ha detto: [they] Ho dovuto portare quel bambino alla prova. Ho detto … beh, puoi farlo nella mia stanza, oppure ti accompagnerò in laboratorio, o lo faremo noi, o lo faremo su appuntamento del suo primo medico. “Ha continuato, e il dottore ha anche scherzato:” Sì, Becky, stiamo tutti cercando di rubare il tuo bambino. “

Ha concluso: “Ehi, una volta è un incidente e due volte è un modello”. “Se vuoi sapere cosa motiva le donne a diventare sostenitrici della fertilità familiare, questo è uno dei tanti motivi”.

.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *