Omicidio Ardea, la madre del killer rischia di essere indagata

Spread the love


Domenica scorsa, 15 giugno 2021, un uomo di 34 anni, Andrea Pignani, ha ucciso un anziano e due bambini. Dopo il raptus di follia si è tolto la vita. Le forze dell’ordine stanno indagando sul movente degli omicidi e hanno sequestrato gli effetti personali del killer. Intanto la madre di Pignani rischia di essere indagata per detenzione abusiva di arma di fuoco. La donna ha raccontato che il figlio, artefice dell’omicidio di Ardea, soffriva da tempo e si comportava in modo strano. “Andrea soffriva di manie di persecuzione”.

Omicidio Ardea (da ilmessaggero.it)

Omicidio Ardea: la madre del killer rischia di essere indagata

La madre di Andrea Pignani rischia di essere indagata perché non ha denunciato il possesso dell’arma da fuoco, usata dal figlio per uccidere tre persone. La donna avrebbe dovuto denunciare il possesso della pistola o il suo smarrimento. Tra le ipotesi al vaglio della magistratura, quella di aprire un fascicolo per detenzione abusiva di arma da fuoco a carico della madre di Andrea Pignani.

Intanto continuano le indagini sul killer. Andrea Pignani, 34 anni ha compiuto una vera e propria strage. Ha sparato a tre persone: due bambini e un anziano. I carabinieri hanno sequestrato tablet, computer e cellulare del ragazzo. Le forze dell’ordine analizzeranno gli oggetti sperando di trovare qualche indizio utile per l’indagine.

ARTICOLO | Ardea, i nomi delle vittime della sparatoria e il racconto dei testimoni

ARTICOLO | Sparatoria ad Ardea, morti un uomo e due bambini: il killer si è suicidato 

sparatoria ardea nomi

Omicidio Ardea: il racconto della madre

La madre ha poi affermato che il figlio soffriva di manie di persecuzione. “Si sentiva osservato, seguito. Era convinto che tutto il mondo ce l’avesse con lui, compresi noi genitori e la sorella.” Il ragazzo si sentiva messo alle strette da tutti e non accettava il mondo in cui viveva. “Diceva che ci eravamo tutti coalizzati contro di lui, anche i colleghi dell’ufficio di consulenza in cui lavorava. Ci incolpava di tutto, anche di rivelare suoi presunti segreti a terze persone.” Aveva anche atteggiamenti strani. “Aveva preteso che togliessimo tutte le sue foto che erano in casa e ha voluto cancellarle pure dai social e da tutti i nostri telefonini. L’unico essere a cui era rimasto affezionato era il suo cagnolino”.>>Tutte le notizie



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *