Perché potrebbe essere un mese di transizione in Italia

Spread the love


<!–

–>

Gv
7 maggio 2021 13:46

L’uscita del tunnel della simbiosi passa attraverso una campagna di vaccinazione. Qual è la situazione in Italia? “Il generale Francisco Paul Figelloro ha detto oggi che maggio è un periodo di transizione. Spero che arrivino 17 milioni di vaccini e saranno consegnati su base settimanale, come si può vedere che i vaccini sono al primo arrivo entro la settimana è lo stesso. Bersaglio”. L’obiettivo fissato dal commissario per l’emergenza è sempre l’obiettivo di 500.000 amministrazioni al giorno. L’obiettivo di 501.236 dosi di vaccinazione è stato raggiunto il 6 maggio (giovedì). È stato raggiunto dal 29 al 30 aprile. Subito dopo, nei primi giorni di maggio, il processo si è nuovamente bloccato e le vaccinazioni hanno ripreso a diminuire. Figgliolo ha visitato oggi il centro di vaccinazione di Pescara nell’ambito della sua permanenza in Abruzzo. Ha ricordato … da lunedì sono iniziate più di 50 prenotazioni. Stiamo lentamente vedendo sempre più luce e stiamo attraversando il tunnel. “

500.000 vaccini al giorno2

In Italia la campagna di vaccinazione contro il coronavirus sta diventando sempre più massiccia. Finora sono state effettuate più di 22 milioni di dosi di vaccinazione e, anche con l’immunizzazione di richiamo, sono state vaccinate 7 milioni di persone. Un quarto degli italiani (25%) riceve almeno una dose e tre quarti degli italiani di età superiore ai 70 anni hanno maggiori probabilità di subire le conseguenze gravi o fatali del COVID-19.Sarà aperto dal prossimo lunedì 10 maggio Prenota più di 50 anni. Alcune grandi regioni hanno annunciato una svolta, come Lazio, Lombardia e Veneto, che rappresentano circa un terzo della popolazione del Paese. Secondo la struttura guidata dal generale, “a causa del movimento amministrativo della categoria prioritaria, sono stati fatti buoni progressi nel movimento sopra gli anni ’80 e fragile”, e solo nel 1971 i talenti nati nel 1971 hanno compiuto un ulteriore salto . Ci sono anche 4,7 milioni di dosi di vaccini conservate nel frigorifero, di cui oltre 2 milioni di Pfizer verranno spedite nell’area da mercoledì per consentire l’accesso alle persone dagli anni ’50 in poi, dando sempre la priorità a quelle con la malattia. Figliuolo ha confermato che a maggio sono state spedite un totale di 17 milioni di dosi di vaccino.

Pfizer-BioNtech ha rinviato l’ipotesi di richiamo a 42 giorni

Attualmente ci sono 1,8 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca nel frigorifero, principalmente per potenziare l’immunizzazione, ed è ancora in corso la decisione di posticipare la seconda dose di vaccino Pfizer-BioNtech a 42 giorni. La Campania inizierà la lavorazione da lunedì, e per chi ha preso la prima dose entro domenica, il periodo di richiamo sarà mantenuto per 21 giorni. La Lazio però era confusa: “Per molti governi che si terranno a giugno, ad agosto si terranno 42 giorni, mi preoccupa Alessio D’Amato, consigliere della Sanità,” ha detto Alessio D’Amato. Impatto negativo. sulle attività elettorali “. Complessivamente, secondo alcuni calcoli, il rinvio del richiamo di Pfizer-BioNtech e Moderna, la quota di quest’ultima è decisamente inferiore, come la Germania ha scelto, finora, solo il Trentino in Italia ha consentito 3,5 milioni su una popolazione di 3,5 milioni. sono vaccinati solo a maggio.

Continua a leggere su Today.it



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *