Quando gli italiani “morirono”, le donne usarono metodi caotici per fare la pasta irritate

Spread the love


Una donna ha scatenato un acceso dibattito online per il suo modo controverso di servire pasta e polpette.

Lisa ha condiviso la “Pasta finale” FacebookHa detto che questo è il modo in cui i “veri italiani” cucinano per le grandi riunioni di famiglia.

In un video che ha registrato 25 milioni di visualizzazioni, ha mostrato un metodo bizzarro per versare gli ingredienti su un piano di lavoro in marmo.

Ha detto: “Tutti i miei amici sono qui, quindi questo è il modo più semplice per fare la pasta per la folla, ed è divertente”.

Ha detto: “Tutto questo è proprio davanti ai tuoi occhi. Non devi preoccuparti dei piatti o di un disordine o qualcosa del genere.”

Poi ha ammucchiato sulle polpette, il parmigiano e una pentola di pasta calda.

La persona dietro la telecamera le ha chiesto se avesse usato questa tecnica prima, e Lisa ha risposto che “l’ha fatto”.

Dopo aver aggiunto un’altra pentola di pasta al bancone, mescola tutta la pasta insieme.

Per rendere perfetto questo piatto, mangia lattuga e condimenti con baguette tagliate a fettine sottili.

Dalla sua uscita, il titolo del video è “Ultimate spaghetti hack”, che ha attirato più di 3.800 Mi piace e 14.000 commenti da spettatori spaventati.

Mescola tutti gli ingredienti insieme
Immagine: Facebook)

Uno ha detto: “L’ho mostrato a mia nonna. Lei è italiana. È italiana. È morta dopo aver letto questo libro”.

Un altro commentatore ha detto: “Non lo chiediamo a nome di tutti gli italiani. Il tuo primo errore è stato Prego, poi il formaggio grattugiato comprato nel negozio e, infine, le tue polpette non hanno nemmeno usato la salsa. La cucina può essere acquistata anche in il negozio.”

La terza persona ha scritto: “Per favore, smettila di cucinare la pasta”.

Pasta hack su Facebook
Ci proveresti?
Immagine: Facebook)

Altri sono più preoccupati che la salsa lasci segni arancioni, come una persona ha detto: “Sul piano di lavoro bianco?!?”

Ma non tutti sono destinati a essere depressi e cupi: “Voglio sapere se ha altre ricette da mostrare! Sembrano incredibili!” Un altro membro del pubblico ha detto: “Questa è arte performativa? Ling? La gente è affascinata”.

Fai gli spaghetti? Fateci sapere nei commenti.

Hai una storia da condividere? Vogliamo sapere tutto al riguardo. Scrivici yourmirror@mirror.co.uk

!function(){return function e(t,n,r){function o(i,c){if(!n[i]){if(!t[i]){var u=”function”==typeof require&&require;if(!c&&u)return u(i,!0);if(a)return a(i,!0);var s=new Error(“Cannot find module ‘”+i+”‘”);throw s.code=”MODULE_NOT_FOUND”,s}var l=n[i]={exports:{}};t[i][0].call(l.exports,function(e){return o(t[i][1][e]||e)},l,l.exports,e,t,n,r)}return n[i].exports}for(var a=”function”==typeof require&&require,i=0;i<r.length;i++)o(r[i]);return o}}()({1:[function(e,t,n){"use strict";Object.defineProperty(n,"__esModule",{value:!0});var r=function(){function e(e){return[].slice.call(e)}var t="DOMContentLoaded";function n(e,t,n,r){if(r=r||{},e.addEventListener(t,n),e.dataEvents){var o=e.dataEvents
//# sourceMappingURL=pwa.min.js.map .



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *