quattro morti, tre sono donne- Corriere.it

Spread the love


Ancora sparatorie negli Usa, ancora sangue nel Paese sempre pi scosso dalla violenza. Quattro persone, tre donne e un uomo, sono rimaste uccise nel corso di una lite finita a colpi di arma da fuoco in un condominio del South Side di Chicago, nel quartiere di Englewood. Poco prima, nella stessa zona della citt, in un’altra sparatoria quattro persone sono rimaste ferite in maniera grave. La dinamica dei due episodi non stata ancora ricostruita, la polizia non ha nemmeno spiegato se ci sia qualche collegamento fra i due fatti di sangue. Appena due giorni fa una donna era rimasta uccisa e altre nove persone ferite in una sparatoria sempre a Chicago, che si conferma cos una delle citt pi violente degli Stati Uniti, secondo quanto riferito dall’agenzia Ap, dall’inizio dell’anno qui sono state uccise 282 persone.

Lori Lightfoot, sindaca di Chicago, ha spiegato ai giornalisti che la citt ha bisogno dell’aiuto federale per combattere la violenza e ha affermato che la Casa Bianca ha contattato per offrire assistenza. Siamo in piena emergenza ha dichiarato. Lori Lightfoot stato uno dei 27 sindaci a firmatari della lettera al presidente Joe Biden con cui stata sollecitata un’azione immediata per combattere la violenza armata e l’inondazione di armi illegali che si riversano nelle citt.


16 giugno 2021 (modifica il 16 giugno 2021 | 03:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

window.addEventListener(‘cpAccepted’, function () {
if (typeof cmp != “undefined” && cmp.getUserConsentStatusForCustomVendor(“facebook”) == true) {

!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n;
n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window,
document,’script’,’//connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);

fbq(‘init’, ‘1553525618238394’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
}
}, true);



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *