Ti immagino nuda e vorrei essere accanto a te, le lettere di Franco Califano a Patrizia De Blanck

Spread the love


Patrizia De Blanck, contessa ed ex concorrente del Grande Fratello Vip, racconta la sua storia d’amore con Franco Califano, cantautore scomparso nel 2013. Una vera storia d’amore e non solo una semplice avventura quella tra Califano e la contessa. “Il nostro legame non fu solo un’avventura come si crede, ma una vera storia d’amore”, racconta la donna al settimanale Oggi che l’ha intervistata, “Franco mi adorava e anch’io ero molto presa da lui. A rendere particolarmente intrigante il nostro legame era la nostra appartenenza a mondi diversi, che si attraevano e si respingevano a un tempo”. Non ha chiarito quale sia stata la durata del loro legame.

Le lettere di Franco Califano

A dimostrare che il loro fu un legame importante sono le lettere pubblicate dalla contessa, scritte proprio da Califano. “Ti immagino nuda come sei abituata a dormire e non ti nascondo che vorrei essere accanto a te… È un momento bellissimo e io te lo offro come ti regalerei me stesso. Teneramente Franco”, si legge all’interno di una di esse.

Patrizia De Blanck
in foto: Patrizia De Blanck

Perché finì tra Patrizia De Blanck e Franco Califano

La contessa ricorda che la storia d’amore con il cantautore terminò per motivi futili ma che all’epoca la donna considerava importanti: lui rifiutava di raggiungerla nella sua casa di Montecarlo e non aveva mai smesso di fumare a letto, abitudine che infastidiva Patrizia e che Califano non avrebbe mai abbandonato. “Ebbi altri amori, ma in nessun uomo trovai l’imprevedibilità, l‘ironia e il senso del meraviglioso di Franco. Come a dire che, dopo avere avuto un amante come lui… tutto il resto è noia”, racconta ancora la contessa citando una tra le frasi più famose scritte dal cantautore. Diversi altri i personaggi famosi con i quali la contessa ha avuto una relazione. Ma quella con Califano sarebbe stata una tra le più importanti.

window._fpcmp.push(function(gdpr)
{
!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘2062554930705272’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);
//fbq(‘track’, ‘ViewContent’);
//send custom checkpoints event
(function () {
var checkPoints = [10, 20, 40, 60, 90, 120, 180, 240, 300].sort(function(a, b) {
return a – b;
}); //seconds
var checkPointIndex = 0;
var f = function(){
var data = {
instant: checkPoints[checkPointIndex]
};
console.log(“[FB PIXEL] send custom event ViewContentCheckPoint “, data, ” on account ” ,”2062554930705272″ , ” currentTime in seconds “,
new Date().getTime() / 1000);
fbq(‘trackCustom’, ‘ViewContentCheckPoint’, data);
checkPointIndex++;
if(checkPointIndex < checkPoints.length) {
setTimeout(f, (checkPoints[checkPointIndex] – checkPoints[checkPointIndex-1]) * 1000)
}
};
if(checkPoints.length){
setTimeout(f, checkPoints[checkPointIndex] * 1000)
}

})();
});



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *