Tifo, social e sogni (anche di mercato): nella testa del Conte nerazzurro

Spread the love


Antonio si è calato perfettamente nella parte e ha conquistato il mondo Inter: i tifosi vogliono aprire un ciclo, ma la strada non è semplice…

“Interista” (come lo considerano a Milano), “professionista” (preferiscono dire gli avversari e i loro tifosi). In ogni caso, cambia poco. Il concetto è parecchio simile e porta ad Antonio Conte: uno storicamente “dentro” i propri club, qualità che ha ampiamente confermato anche all’Inter. Anzi: dal punto di vista emozionale, da queste parti forse sta dando anche di più.

Non solo la solita grinta vista sempre in panchina, ma anche l’extra-campo: ambito nel quale il tecnico si è dimostrato un valore aggiunto determinante. La festa ad Appiano Gentile per lo scudetto, il pubblico come “obiettivo” principale da rispettare e far gioire, i propri ragazzi sempre e comunque elogiati, anche nei momenti difficili, senza dimenticare i social: pure un certo Mourinho, ultimamente, ci sta dando dentro. Anche Antonio ha iniziato da un po’, di questi tempi Instagram può essere il principale filo conduttore con il mondo – in questo caso – nerazzurro. E adesso?

La volontà dei piani alti

—  

Adesso c’è un futuro da programmare. Con lo scudetto aritmeticamente in tasca, si parla continuamente della possibilità/scenario di aprire un ciclo vincente: termine pesante, che spetta alle super big, storicamente ricche per un certo tipo di entrate e quindi in grado di condurre un mercato di altissimo livello. E su questo, al momento, l’Inter non può avere certezze. La linea di Steven Zhang, ribadita ancora una volta nell’ultimo vertice nella sede di Viale della Liberazione, era e resterà chiara: spese da abbassare anche attraverso qualche ingaggio top da eliminare (vedi quelli di Aleksandar Kolarov e Arturo Vidal), magari una cessione eccellente da chiudere (possibilmente all’estero). Un’eventualità che la proprietà cercherà in tutti i modi di evitare, ma che oggi non può essere esclusa. Intanto Conte spera: non necessariamente in grossi colpi (le priorità restano uno-due esterni di fascia e un quarto attaccante forte, due se dovesse partire Alexis Sanchez), anche se, sotto sotto, qualche sogno ci sarebbe. E porta lì, in mezzo al campo.

La lampada dei desideri

—  

Tempo fa si è parlato di Sergej Milinkovic-Savic della Lazio: giocatore decisivo, uno di quelli in grado di cambiare volto alla mediana dell’Inter. Tuttavia, se esistesse la lampada del Genio, Conte la luciderebbe pensando a Paul Pogba. Entrambi obiettivi costosissimi, allo stato attuale pressoché da escludere, ma si sa: sognare è gratis. Non a caso, l’a.d. Sport Giuseppe Marotta accarezzò l’idea quantomeno di sondare il terreno con il Manchester United poco dopo il proprio arrivo in nerazzurro. Al momento, comunque, nulla di più di semplici suggestioni. O meglio, sogni appunto: quelli che probabilmente resteranno nella testa di Conte. Anche se il mister sa che per aprire un ciclo non servono per forza colpi super milionari… Vero, José?



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *