Un operaio investito dall’elettronica è morto in un incidente sul lavoro a Modica

Spread the love


ancora uno Infortunio mortale sul lavoro, Questa volta in Sicilia. La vittima era un operaio di 49 anni. Il 14 aprile ha avuto un incidente nei pressi dell’azienda in cui si trovava Via Vanella 155 a Modica Alta (Ragusa). Oggi, circa tre settimane dopo, è morto. Secondo la ricostruzione iniziale da parte della polizia locale, l’uomo ha pianificato di posizionare alcune piattaforme nel terreno dopo la consegna. Per fare spazio, ha deciso di spostare gli attrezzi agricoli, una manciata di elettricità, per farlo muovere. Tuttavia, non può controllarlo, Era perplesso. Il personale di emergenza si è precipitato al pianto doloroso dell’uomo e si è trovato di fronte a una scena inquietante. L’uomo è in gravissime condizioni ed è stato trasferito in aereo ambulanza al centro traumatologico dell’ospedale “Cannizzaro” di Catania. Quando è avvenuto l’incidente, un arto è stato amputato dal divisore di arto e, dopo essere arrivato in ospedale, è stata amputata anche l’altra gamba. Fino ad oggi, nonostante i medici cercassero di salvargli la vita, è ancora morto in ospedale.

Incidenti stradali mortali da nord a sud Un altro tragico incidente sul lavoro in Lombardia questa mattina. Un uomo di 46 anni è morto mentre lavorava in un cantiere a Pagazzano., Nella bassa bergamasca. È stato schiacciato a morte dagli oggetti pesanti che cadevano dal cielo. Si chiama Maurizio Gritti, ha 46 anni e vive a Calcinate: ha lasciato la moglie e due figli.Anche in Lombardia è mortoUn operaio di 49 anni è stato schiacciato da enormi coltelli industriali, Situato in uno stabilimento di Busto Arsizio (Varese). I medici non hanno potuto fare nulla per l’uomo ricoverato all’ospedale di Legnano in gravi condizioni. Ieri in Calabria un uomo di 39 anni è morto per caduta del trattore su cui stava lavorando. Il 3 maggio si è verificato un tragico incidente nell’azienda tessile Oste di Montemurlo. Luana D’Orazio, 22 anni, è morta.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *